Invisibile

11828564_732917800169293_4187483457233794494_n

INVISIBILE

Ascolta la notte

Respirala

Sono io

Che ti sto sfiorando

Mentre le tue mani mi cercano al buio

Io sono lì

Accanto a te

Sono io

Che ti scivolo addosso

Suadente

Che ti ghermisco l’anima

Impudente

Indecente

Prepotente

Perché mi appartieni

Ora e sempre

E ogni notte

Quando il mondo tace

Verrò da te

Perché senza te

Io sono niente senza te

©Elisabetta Barbara De Sanctis 25/06/2016 all rights reserved

Annunci

Frammenti sparsi…

10906225_747788968637597_3527178379624801497_n (2)

“Cos’è che ci lega così tanto all’amore? Ci avete mai pensato? Quel sentimento spesso rinnegato, a volte vituperato, ma sempre agognato, desiderato, rincorso e aspettato. Soprattutto aspettato, quando stringiamo i pugni e non solo i denti, traditi, abbandonati o forse solo un po’ persi, con un vuoto al posto del cuore, proprio lì dove, pare, alberghi l’amore. Ma si sa, a volte c’è il trucco e c’è l’inganno e ciò che dovrebbe essere non è, semplicemente perché è così che vanno talvolta le cose. Allora lo prendiamo quel cuore e lo nascondiamo in un cassetto, l’ultimo, quello in fondo, fra calzini bucati e mutande dimenticate con i colori stinti e le molle un po’ allentate, quelle che non metti più, ma che non butteresti per nessuna ragione al mondo perché hai visto mai che resti senza, senza calzini e senza mutande in un giorno di pioggia, quando anche il cielo ha deciso di mettersi a lavare e tu allora decidi di restare. E quel giorno le metterai quelle mutande, li indosserai quei calzini che tanto stanno bene con la tua anima bucata e con un cuore un po’ slabbrato che fatichi a ricucire perché si sa, le cose a furia di usarle si consumano, ma tu di indossarlo non smetterai mai. Lo sai, lo sai che potrebbe arrivare quel giorno in cui finirai per aprire proprio quel cassetto e metterai quei calzini, metterai quelle mutande e quel tuo stupido, malandato, inesauribile cuore perché è così che vanno a volte le cose, perché, in fondo, tu non sei altro che Amore.”

 
©Elisabetta Barbara De Sanctis – aprile2016 all rights reserved

Frammenti sparsi…

12032120_511292725718565_3805249287291002096_n

“Non volli mai sapere il suo nome. A che sarebbe servito? Donne così non le chiudi fra parentesi. L’unico segno che le rappresenti è quello che ti imprimono addosso e che ti marchia in eterno, senza che tu possa farci niente. Accadono così, quasi per caso: incrociano i tuoi occhi per un fottutissimo attimo e tutto cambia. Tu cambi. E quando si voltano e vanno via, perché stai pur certo che se ne andranno, resterai da solo ad annusare quel marchio ancora vivo su cui non ti resta che versare un po’ di sale e sperare che la tequila ti uccida presto. Perché senza di lei finirai per annegare e se non sarà la tequila, allora sarà il rimpianto ad ammazzarti, ma questo, sappilo, brucia molto di più”.

©Elisabetta Barbara De Sanctis – aprile 2016 all rights reserved

 

 

Dentro te

e2d8a2264a6b4179cf4986ef3f9e0602

 

DENTRO TE

Sono debole carne
che implode nelle attese
trasuda piacere
che mi impasta le dita
Annusami
Respirami
Leccami
Sono il tuo sapore
Sono la tua essenza
Sono vita

(©Elisabetta Barbara De Sanctis – aprile 2015 all rights reserved)

Resa

tumblr_m9jjboWnmk1qe8lnho1_500

RESA

A quella parte di me
A volte celata
Non per pudore
Né per decoro
Porgo l’orecchio
Tendo la mano
Vendo la carne
E offro l’anima
(Elisabetta Barbara De Sanctis)

Le mie poesie: Mille colori

intercultura

MILLE COLORI

Ascoltami mamma
Senti questo cuore
Che hai nutrito di lacrime
Nelle tue notti insonni
Quando il coraggio
Sfumava i suoi contorni
In un rimpianto tiepido
Di notti ormai lontane
Sopravvissuti noi
Nati per fuggire
O forse nati mai per davvero
Relitti persi di un altro mare
Io senza nome
Li sento chiamarmi ora
Ancora come allora
Diverso sempre e mai uguale
Resta la tua voce
In quell’angolo di periferia
Restano i tuoi occhi
In cui rivedo quel che sono
Resti tu
A ricordarmi che la vita
E’ solo un insieme di attimi
Vissuti, persi e a volte vinti
Guardami mamma
Ho la mano sul cuore
Due bandiere sulle spalle
E profumano di mille colori
(Elisabetta Barbara De Sanctis)

 

Scritta a giugno per un concorso a tema sport. Mi hanno contattata dicendomi che ero stata “selezionata”; hanno chiesto foto, ma non hanno mai risposto alle mail da me inviate in seguito e oggi mi sono accorta che l’evento creato su facebook è sparito.

Non so cosa faranno delle poesie ricevute, ho timore di immaginarlo.

Poco importa. Io scelgo di donarla a voi ❤

 

Il mio canto

690b4f16c8984420e1a103462f3ce8bf

IL MIO CANTO

Sono quella che sono

Anima fottuta e bastarda

Demonio o angelo

Vergine e puttana

Le ossa dolenti

Per chi mi ha piegata

Buttata nel fango

Ma mai spezzata

I piedi consumati

Per rincorrere a vuoto

Chi di me meriterebbe fiele

E lento, letale veleno

Maledetto stupido cuore

Che ti fai beffe di me

Io imbraccio la spada

E tu sciocco ne fai amore

(Elisabetta Barbara De Sanctis – settembre 2015 all rights reserved)