Favole di cioccolata e Selfie di noi

Una Donna che fa sogni grandi, poi li collega al cuore (grande pure quello eh, non di misure normali) e infine alle mani: questa e tanto di più è Gemma Gemmiti.

Ve la ricordate con l’intervista qui, nel salotto di EliBì, per il progetto #twitter4theworld? (Se l’avete persa cliccate qui). Descriverla non è facile, impossibile direi, ma se si ha la fortuna, come l’ho avuta io, di esserle amica, allora si inizia a credere al sogno di poter davvero cambiare il mondo e, se siete così fortunati da crederci già, scoprirete che quel sogno è più vicino di quanto abbiate mai potuto immaginare.

Donne d’inchiostro e Uomini su carta sono ancora lì, freschi (o caldi) di stampa, le copie vendute tante, quelle che saranno vendute spero ancora di più, l’angolo di cielo che illumineranno splende di un sole che è più bello ad ogni giorno che passa. Ma lei di tirare il fiato non ne vuole sapere e a stare ferma credo che non sappia proprio come si fa. E allora? Eccole pronte altre due iniziative bellissime, di quelle che fanno battere il cuore in sintonia con l’Universo.

Regalatemi un minuto del vostro tempo e continuate la lettura, vi prometto che ne vale la pena e, se alla fine del post non avrete un sorriso stampato sul viso e un soffio di emozione nel cuore, beh… non ci credo, è impossibile!

FAVOLE DI CIOCCOLATA e SELFIE DI NOI

(da Il sogno che lascerà un segno)

favole12178138_1002362889786092_605736614_nSei un insegnante, un genitore o un alunno?
Anche le scuole potranno far parte de “Il sogno che lascerà un segno”.

L’Associazione “Progetto Alfredo” onlus nasce nel 2007 con il proposito di donare dignità al popolo rwandese. I soci hanno iniziato vendendo dolci nei mercatini. Poi le attività si sono ampliate riuscendo a costruire a Kiziguro in Rwanda, negli anni, parte di una scuola elementare ed un asilo, grazie a concerti, mostre e musical (sul nostro sito potete trovare le nostre iniziative www.lascuoladialfredo.it ).

Ora abbiamo un altro sogno: costruire una fattoria a Kiziguro per creare lavoro e cibo alle famiglie del posto. Lo stiamo facendo con un progetto editoriale a livello nazionale al quale stanno partecipando scrittori adulti e bambini.

Per il progetto giovanile, stiamo coinvolgendo le scuole italiane e vorremmo nel contempo, trasmettere a bambini e ragazzi un messaggio molto importante: “insieme si può cambiare il mondo CON le parole e non A parole”.selfie12179651_1002370213118693_2130935868_n

La lettura aiuta a crescere, arricchisce, appassiona, alimenta la fantasia e la creatività perché ha il potere di farci entrare nella narrazione. In questa ottica, la scuola rappresenta il luogo privilegiato e speciale per promuovere itinerari e strategie atti a suscitare curiosità ed a promuovere amore per il libro.

Ed ecco l’idea: far scrivere ai bambini ed ai ragazzi una storia tutta loro, inventata da loro.

Con la supervisione dei professori, si potrà realizzare una raccolta che diventerà un libro, e potrà anche essere tradotta in lingua straniera, a discrezione dell’alunno e degli insegnanti. L’intento è di riuscire a trasformare i limiti in punti di forza, le difficoltà in opportunità. Rendere protagonisti i ragazzi aumenterà la loro autostima e il desiderio di crescere leggendo.

Ci saranno due raccolte:

FAVOLE DI CIOCCOLATA per i ragazzi delle elementari e delle medie (come copertina un disegno fatto dai ragazzi e scelto da loro tramite votazione interna alla scuola).

SELFIE DI NOI per i ragazzi delle superiori (ogni volume avrà come copertina un collage di foto che i ragazzi vorranno scattarsi da soli).

Al progetto stanno collaborando le scuole di tutta Italia.

Duecento pagine da riempire di inchiostro, con il nome della scuola sulla copertina e all’interno i nomi degli autori e degli insegnanti che parteciperanno alla creazione del libro o dei libri, a seconda del numero dei partecipanti.

Per maggiori informazioni non esitate a contattarci qui o alla mail gemmiuniverse@gmail.com.
Grazie!

Ecco… Che ne pensate? È valsa la pena leggere di questa bellissima iniziativa? Che ne dite di perdere un altro minuto e condividerla? Potete farlo direttamente da questo blog, in fondo ad ogni articolo trovate i pulsanti di condivisione, basta cliccare su “condividi” o visitando la pagina facebook Il sogno che lascerà un segno.

Forza! L’Amore è una forza che tutto può, basta solo darsi la mano e fare un cerchio, un cerchio grande.

Quanto? Quanto l’Universo! ❤

 

EliBì

 

 

Libri che riscaldano anima e cuore

A nome di #twitter4theworld un grazie immenso al blog In nomine artis ❤

In Nomine Artis - Il Ritrovo degli Artisti

Buongiorno, cari amici del Ritrovo.

Oggi parliamo di libri “speciali”, libri che sono nati con un intento nobile e profondo, scevro da qualsiasi desiderio di appagamento di vanità: i libri il cui ricavato viene devoluto interamente in beneficenza, ad associazioni umanitarie che si occupano di alleviare i dolori di chi è meno fortunato di noi e vive condizioni di disagio economico, fisico, o morale. Questi volumi (nella maggior parte dei casi antologie di racconti, ma non sono rari i casi di racconti singoli o interi romanzi) costituiscono, in realtà, un doppio regalo: un regalo per il lettore (che spesso si sente incentivato all’acquisto conoscendo la serietà delle persone che lo hanno pubblicato o le attività dell’associazione che avrà beneficio dalle donazioni) e un regalo per una realtà che non conosciamo mai abbastanza, da cui per fortuna spesso siamo lontani, di cui non possiamo cogliere appieno (a…

View original post 1.973 altre parole

Sconto del 15% sugli e-book!

Ebbene sì amici! I due racconti Stanza 530 e Senza più nome sono in offerta su www.youcanprint.it da oggi, 8 settembre, fino alla mezzanotte del 13/09/2015.

 

Screenshot 2015-09-08 11.53.58

 

Per usufruire dello sconto basta inserire gli e-book nel carrello; nella pagina del carrello in basso a sinistra vi è un campo chiamato “Se hai un codice coupon inseriscilo qui”, digitate il codice STA15 (tutto in maiuscolo) e cliccate su INSERISCI. Il totale dell’ordine sarà automaticamente scontato del 15%.

Ora procedete con l’ordine cliccando su PROCEDI ALL’ACQUISTO fino alla conferma dello stesso.

Sempre sullo stesso sito trovate anche, in cartaceo e in e-book, i volumi 1 e 2 di Donne d’inchiostro e Uomini su carta vol.1 per il progetto #twitter4theworld di cui vi ho già parlato in alcuni post precedenti. Potete approfittare dello sconto per regalarvi anche queste bellissime raccolte così da fare il pieno di letture, ma allo stesso tempo avrete aiutato il sogno a diventare ancora più grande.

Allora… cos’aspettate? ❤

 

 

Il salotto di EliBì

Sorgente: Il salotto di EliBì

Non amo molto programmare le cose in anticipo. Solo un po’, il minimo se necessario. Vale per tutti gli aspetti della mia vita, quindi anche per questo blog che rappresenta una parte molto importante di me.

All’inizio doveva essere… (continua a leggere)

 

I miei ebook… aspettando il romanzo

Questi sono i miei ebook, al momento in versione digitale e li trovate praticamente ovunque nel web, ma vi faccio un piccolo riepilogo. So che magari molti di voi sono ancora legati al cartaceo, ma sono pensieri e racconti, quindi va bene anche leggerli sul tablet o sullo smartphone in un momento di pausa 😉

“Anima e Carne” è la raccolta dei miei pensieri e delle mie poesie. Frammenti me affidati al vento perché giungano fino a voi, emozioni che si nutrono di emozioni.

È disponibile sul sito www.eroscultura.com, su Amazon, su Mondadori store e su molti altri book store.

“L’altra lei” è un racconto erotico e, come faccio sempre quando affronto questo genere, ho voluto sfidare me stessa perché, da lettrice, non amo l’erotico fine a se stesso, mi piace che ci sia anche altro e in questo racconto c’è. Ho cercato, nei limiti delle poche pagine, di sviscerare alcuni aspetti psicologici che, a seconda del punto di vista del lettore, diventano primari o secondari rispetto all’aspetto erotico. A voi adesso dirmi se ci sono riuscita oppure no.

Il racconto è disponibile  sul sito www.eroscultura.com, su Amazon, su Mondadori store e su molti altri book store.

“Stanza 530” è anch’esso un racconto erotico. Sempre un gioco a tre, come in L’altra lei, ma qui il contesto è diverso, come diverse sono le motivazioni dei personaggi a cui mi sono affezionata molto, e non solo io perché molti di coloro che lo hanno letto mi hanno spronato a continuare. Volevano saperne di più, di Laura, ma soprattutto di Luca e io vi ho accontentati. Così il racconto Stanza 530 è diventato il prequel da cui ha preso vita il romanzo di cui ho appena terminato la prima stesura.

Un rosa erotico, delicato e intenso, che spero vi appassioni e vi faccia commuovere, perché no, come è accaduto a me ieri sera quando ho scritto l’epilogo. Il racconto e il romanzo che ne è seguito sono il frutto di un’altra sfida lanciata a me stessa: scrivere d’amore, scrivere d’erotismo, in un contesto che si potrebbe definire normale, dove non si parla di trasgressione a tutti i costi, ma di rispetto per la donna, con una coppia innamorata che deve affrontare problemi e tragedie come ognuno di noi. La sfida è stata quella di provare a far viaggiare la fantasia e a toccare le corde del cuore dei lettori senza nulla di estremo come ultimamente va di moda perché amo andare sempre contro corrente.

Ci sono riuscita? A voi l’ardua sentenza, ma se siete curiosi di leggere il romanzo prendete intanto la chiave ed entrate in Stanza 530.

Il racconto è disponibile su www.youcanprint.it, su Amazon, sullo store di Mondadori, su quello di La Feltrinelli e in decine di altri book store.

“Senza più nome” è anch’esso un racconto, ma qui mi sono cimentata con un genere completamente diverso: la narrativa. Questo è il racconto di Martina, una bambina che non ha più un nome né un’identità perché è stata rapita. La storia di Martina potrebbe essere la storia di uno dei tanti, troppi bambini che svaniscono nel nulla e di cui si perdono le tracce. È la storia di un’infanzia violata, ma è anche la storia della speranza e della forza che noi donne custodiamo nella nostra anima. Il racconto era nato per un concorso importante, ma è stato rifiutato insieme alla motivazione. Rispettava la lunghezza, il tema, eppure non è stato ammesso. Poi ho scoperto che, anche se bandito da una importante casa editrice, una big, il concorso era pilotato e il modo che hanno escogitato è stato di non permettere il caricamento del file a chi non avevano già in mente loro. Ma io non mi sono persa d’animo e l’ho pubblicato per conto mio. Ho versato lacrime su quel racconto, mentre scrivevo sentivo le emozioni di Martina scorrere dentro di me e ho scelto di regalare anche a voi lettori quelle emozioni.

Il racconto è disponibile su www.youcanprint.it, su Amazon, sullo store di Mondadori, su quello di La Feltrinelli e in decine di altri book store.

“Donne d’inchiostro” ultimo, ma non meno importante, per il progetto #twitter4theworld di cui vi ho già parlato in altri articoli. Una raccolta di racconti al femminile (e al maschile con Uomini su carta), primo volume di una collana di cui vi consiglio di leggere ogni singola perla. Chi avesse perso gli articoli precedenti cliccare questo link:

https://velodidonna.wordpress.com/2015/07/01/twitter4theworld-donne-dinchiostro-e-uomini-su-carta/

e poi quest’altro:

https://velodidonna.wordpress.com/2015/08/22/a-proposito-di-twitter4theworld.

Nel primo volume c’è anche un mio racconto, E il mare rispose, ma questo è marginale. I racconti, i frammenti che trovate in queste raccolte sono speciali, come speciali sono gli autori che hanno donato un loro pensiero per il progetto destinato a cambiare un piccolo angolo di mondo. Racconti che fanno bene al cuore.

La raccolta è disponibile in cartaceo e in ebook  su www.youcanprint.it, su Amazon, sullo store di Mondadori, su quello di La Feltrinelli e in decine di altri book store oltre che essere ordinabile in cartaceo in oltre 4000 librerie sparse sul territorio.

Se avete avuto la pazienza di leggermi fin qui posso solo dirvi grazie, con il cuore, e non dimenticate una cosa molto importante.

Per un autore emergente è davvero dura andare avanti, si fa lo slalom tra difficoltà e colpi bassi che arrivano da ogni dove e il rischio è che, prima o poi, l’autore si scoraggi e decida di abbandonare.

Solo i lettori possono fare la differenza. Sì, voi. Per questo, se un autore o un’autrice vi piace, aiutatelo con il passaparola e, sullo store dove avete acquistato l’ebook, lasciate un commento, un parere, una piccola recensione. Molti barano e arrivano a chiedere ad amici e parenti di farle, senza nemmeno aver letto il libro, o addirittura creano profili per fare una buona recensione “in amicizia” o una recensione che stronchi un potenziale rivale.

Questo a me non piace, però funziona così e le recensioni aiutano a far sì che i libri girino di più sui motori di ricerca e nei consigli di lettura sui vari store. Non vi chiedo recensioni di favore, non è da me. Mi piacerebbero recensioni sincere, commenti veri, che siano da una, tre o cinque stelline non importa se il pensiero che c’è dietro è sentito, se non è fatto per nuocere, ma solo per aiutarmi a crescere e a donarvi ancora frammenti di me, come spero accadrà ancora.

Grazie ❤

 

1

A proposito di #twitter4theworld…

In un precedente post (per chi lo avesse perso lo trovate qui) vi avevo raccontato di Donne d’inchiostro e Uomini su carta per il progetto #twitter4theworld.

Un sogno nato per donare qualcosa, una goccia, a chi è meno fortunato di noi, ma il sogno cresce e sta diventando una bellissima realtà che sta donando a tutti noi che ne siamo parte molto di più di quello che ci saremmo aspettati. Volumi di vendite altissimi, messaggi di apprezzamento che non portano un vantaggio economico né a Gemma, l’ideatrice, né a noi autori perché abbiamo ceduto con il cuore i diritti dei nostri racconti alla Associazione Progetto Alfredo Onlus (http://www.lascuoladialfredo.it).

E allora cosa ci sta tornando indietro?

Qualcosa di indefinito e indefinibile: amore e contatto umano. quello vero, tenace, profondo che riesce a scorrerti dentro nutrendo la parte più preziosa dell’essere umano. Qualcosa difficile da spiegare a parole, ma tangibile e profondo, dal valore inestimabile.

Credo che leggendo i racconti riuscirete a percepirlo e quel qualcosa vi sfiorerà, vi accarezzerà, vi donerà un sorriso, a volte una lacrima. E non sarete più gli stessi.

Intanto su CIOCIARIA OGGI sezione Cultura un articolo dedicato al progetto #twitter4theworld:

11938873_969553529733695_2080651643_n

Ma non è finita qui!

Sempre oggi non perdete la puntata di Sulla Strada TV2000 canale 140 di Sky e 28 digitale terrestre. Dino Pirri che è anche uno degli autori di Uomini su Carta parlerà insieme a Gemma del progetto. Ore 17:30.

11909651_969253536430361_1114899864_n

Vi anticipo infine che è uscito anche il primo volume di Uomini su carta, ma vi prometto che presto scriverò un post solo per quello; intanto la versione cartacea è già disponibile su http://www.youcanprint.it, ma potete ordinarlo in una delle oltre 4.000 librerie sparse sul territorio, comprese Mondadori, La Feltrinelli e tante altre. Per l’e-book ancora qualche giorno di pazienza, come anche per molti store online.

Grazie a Gemma Gemmiti e Gina Fioravanti per ricordarmi ogni istante con il loro sorriso e il loro impegno quanto meravigliose siano le cose fatte con il cuore e un grazie anche a tutti gli altri autori e autrici dei racconti che sto imparando pian piano a conoscere: siete davvero meravigliosi ❤

 

 

Il salotto di EliBì: intervista a Gemma Gemmiti per il progetto #twitter4theworld. Donne d’inchiostro e Uomini su carta

Che ne siamo consapevoli o meno, abbiamo bisogno di credere ai sogni.

Ci rendono vivi, ci donano speranza che, nonostante tutto, qualcosa di bello sia possibile. E cosa accade quando il seme di un sogno, affidato al vento, viaggia lontano, si posa nella terra e inizia a germogliare? Ecco, è questo che è accaduto con un progetto nato come #twitter4theworld e l’hashtag è diventato in breve tempo virale, grazie al sorriso di Gemma Gemmiti, una blogger che ho avuto la fortuna di conoscere, anche se ancora non di persona (ma presto ci incontreremo), forse fin da quelli che credo fossero i suoi esordi su tumblr. Ricordo ancora quei giorni, saranno trascorsi due anni o forse meno, quando con la solarità che la contraddistingue venne a bussare via messaggio al mio blog tumblr e da lì è nata quella che è una bellissima amicizia. C’è un aggettivo che per me la rappresenta più di tutti: travolgente!

#twitter4theworld è poi diventato anche #tumblr4theworld e #facebook4theworld e, a distanza di appena 4 mesi, questo sogno ha travolto me e tante altre persone meravigliose e sono onorata di far parte di tutto questo.

Cos’ha di speciale? Ci ha permesso di impugnare le penne per cambiare un piccolo angolo di cielo, in maniera vera, concreta, utile. Ma lascio che sia Gemma a raccontarvi cos’è #twitter4theworld con le sue Donne d’inchiostro e i suoi Uomini su carta perché ho voluto intervistarla, per voi, per noi.

Gemma, come nasce il progetto #twitter4theworld e cosa sono “Donne d’inchiostro” e “Uomini su carta?”

#twitter4theworld nasce da una folle idea buttata su twitter senza neanche pensare a come realizzarla, ma con la voglia di fare qualcosa. Ogni giorno assistiamo impotenti a donne, uomini e bambini che affrontano il mare su barconi per cercare un’opportunità di sopravvivenza. Ero e sono stufa di sentirmi impotente.

Era il 7 marzo e volevo trovare un modo diverso di festeggiare il mio essere donna. Conosco, grazie anche ai social, molte persone a cui piace scrivere e allora mi son detta: “Perché no?”. Ho cominciato a chiedere a qualcuno in privato cosa ne pensasse. Le donne sono state subito d’accordo, gli uomini hanno lamentato il fatto di essere stati esclusi visto che inizialmente l’idea era solo quella di coinvolgere le donne a raccontare se stesse.

E allora via con l’idea che diventava sempre più tangibile: ci sarebbero stai due e-book. Uno avrebbe raccolto le storie delle donne (Donne d’inchiostro), e l’altro quelle degli uomini (Uomini su carta). Due universi a confronto per fare la differenza nel mondo.

Poi la vita è strana, a volte i sogni si avverano anche in maniera più grande di quanto mai potessi immaginare. Le persone che hanno aderito fino ad ora sono più di 150 ed i due e-book sono diventati sette. E si sono magicamente trasformati grazie al selfpublishing in carta odorosa.

Tutti sono stati d’accordo a donare i loro proventi all’Associazione Progetto Alfredo onlus (http://www.lascuoladialfredo.it/) che conosco personalmente. Due anni fa ho organizzato un musical nel paese dove abito e con gli incassi quest’anno a gennaio sono state inaugurate tre aule in un asilo. Abbiamo raccolto € 4.535,00 necessari per la costruzione di una sola aula, poi la gente del posto ha offerto il proprio lavoro e di aule ne sono uscite tre. Questa credo sia magia.

I dati di mercato parlano dell’editoria come di un settore in crisi e le statistiche evidenziano come gli italiani leggano poco, ma tendono a pubblicare molti libri. Questo non ti ha impedito di credere in questa iniziativa, come mai? 

Credo nei sogni, questo è il mio più grande difetto e la mia più grande qualità. Sono perfettamente consapevole del fatto che gli italiani leggano poco, ma proprio questo mi ha dato una spinta in più perché sono scritti di e da gente comune. Magari si ha più voglia di leggere qualcosa scritto dall’amica di scuola, dal proprio prof del liceo, o dalla blogger che adoriamo. Perché dietro ad ogni blog, ci sono persone meravigliose e leggerle sarà un po’ abbracciarle, conoscerle, sentirle vicine.

Gli autori sono tantissimi, come sei riuscita a coinvolgerne così tanti? E’ stato impegnativo coordinarli?

E’ stato un tam tam, un effetto domino di chi, venuto a conoscenza del progetto, lo ha fatto conoscere ad altre persone e siamo diventati sempre di più.

Impegnativo sì, perché ho fatto del mio meglio per seguire tutti con la dovuta attenzione. Ma il mio non è stato un lavoro, perché con ognuno è subentrata un’affinità così speciale che ci si sente anche al di là del progetto.

E’ stato davvero un dono, prima di tutto per me.

Quali obiettivi ti prefiggi di realizzare con questo progetto?

Eravamo partiti con un’incubatrice e qualche capretta (il latte di una sola capretta dà nutrimento ad un’intera famiglia), ora, visto il numero degli autori e quello delle vendite, stiamo allargando il sogno: compreremo materiale sanitario con i proventi delle vendite di Donne D’Inchiostro e con quelli di Uomini su  Carta costruiremo una fattoria.

Opportunità di una vita autonoma e dignitosa. Il famoso “Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita.” di Confucio.

Oltre la pubblicità sui social e il passaparola, sono previste altre iniziative per far conoscere Donne d’inchiostro e Uomini su carta? Se sì, quali?

Stiamo pensando all’opportunità, una volta usciti tutti i primi sette volumi, di cominciare ad organizzare le presentazioni nelle librerie Mondadori, Feltrinelli ed IBS sparse sul territorio. Gli autori stessi saranno un supporto prezioso ognuno nella propria città.

Intanto cominciano le prime richieste, da parte di piccole testate giornalistiche, di saperne di più. Anche delle televisioni a livello nazionale stanno sbirciando e chiedendo informazioni sul nostro “Sogno che lascerà un segno”. Chissà!

Perché consiglieresti ad una persona di acquistare Donne d’inchiostro e Uomini su carta?

Perché al di là della bellezza dell’iniziativa e di ciò che riusciremo a fare grazie a chi ha scritto e a chi leggerà, c’è vita in quelle parole, in quella carta, in quell’inchiostro.

Stanno già arrivando i primi commenti visionabili in Pagina fb “Il sogno che lascerà un segno” e sono contenta perché le emozioni che io stessa ho provato nel leggerli, le ritrovo nei lettori. E siamo solo all’inizio.

Gemma, cos’è un sogno per te?

Una splendida realtà, come questa.

Credo nei sogni, perché siamo su questa terra per un motivo, ognuno sceglie il suo.

 

Penso che non ci siano altre parole da aggiungere. Personalmente ho i brividi perché grazie a Gemma sono anch’io dentro questo sogno con un mio racconto, scritto solo in esclusiva per #twitter4theworld e l’emozione è ogni giorno più grande. Ma il mio grazie va anche di cuore a tutti gli altri autori e autrici che hanno scritto un loro racconto, a chi ha realizzato e donato le meravigliose copertine, a chi ha dato il suo aiuto con il profilo twitter, con la grafica, con l’impaginazione, a chi ha dato il suo piccolo grande contributo, a chi ci sta emozionando con i primi commenti e le proprie impressioni. Grazie, a tutti!

Adesso aspettiamo voi! Leggetelo, regalatelo, consigliatelo, recensitelo: prendiamoci per mano perché questa sia una lunga catena d’amore lunga dal nostro cuore fino ai confini del mondo ❤

(Elisabetta Barbara De Sanctis)

 

donnedinch1496523_483919721765029_8426245261931766448_o

DONNE D’INCHIOSTRO VOLUME UNO è disponibile sia nella versione cartacea che in quella digitale su www.youcanprint.it e su 31 store on line. Si può ordinare anche in oltre 4.500 librerie presenti sul territorio.

A breve l’uscita di Uomini su carta, non perdete la prossima puntata!

E per saperne di più alcuni link utili:

Pagina facebook: Il sogno che lascerà un segno

Profilo twitter: @tw4theworld

Associazione Progetto Alfredo onlus