Invisibile

11828564_732917800169293_4187483457233794494_n

INVISIBILE

Ascolta la notte

Respirala

Sono io

Che ti sto sfiorando

Mentre le tue mani mi cercano al buio

Io sono lì

Accanto a te

Sono io

Che ti scivolo addosso

Suadente

Che ti ghermisco l’anima

Impudente

Indecente

Prepotente

Perché mi appartieni

Ora e sempre

E ogni notte

Quando il mondo tace

Verrò da te

Perché senza te

Io sono niente senza te

©Elisabetta Barbara De Sanctis 25/06/2016 all rights reserved

Annunci

Perdonaci Madre

pachamama861974532_b5d9dcf614_o

PERDONACI MADRE

Buongiorno ‎Pachamama

e perdonaci se puoi

per tutte le offese che ti arrechiamo

per le tue lacrime di dolore

per non saper ascoltare

il gemito della tua agonia

siamo sordi e ciechi

per le ferite che ti infliggiamo

rinnegandoti

assassinando il seno che ci nutre

siamo senza memoria

barbari e inetti

ma tu sei la cura

tu sei la vita

tu sei la Madre

accoglici ancora

insegnaci ad amarti

e perdonaci, se puoi

‪#‎EarthDay

©Elisabetta Barbara De Sanctis – 22/04/2016 all rights reserved

 

Sono solo una tua umile figlia o Madre, accogli la mia supplica, concedimi il tuo abbraccio e fa’ che con Te io possa intonare il mio canto, perché i tuoi figli ascoltino e si uniscano a noi…

Con il cuore, sempre ❤

EliBì

 

 

 

Anima e Carne: quando l’anima ascolta la poesia

“La Poesia è parte di me, della mia vita, tocca corde  profonde in un angolo nascosto, a volte inaccessibile. È il cuore? È l’Anima? Non lo so.
La Poesia è emozione, le parole sono emozioni e quando urgono dentro, posso solo lasciarle scorrere libere, non importa dove, lasciandomi condurre nei recessi più profondi del mio essere fino a che sento la passione bruciarmi nelle vene. 
Sono frammenti di me che nascono in un centro, per esplodere in ogni dove. Sono orgasmi d’anima”.

Così recita la sinossi di Anima e Carne, quella che ancora stento a definire una silloge. Non mi sento all’altezza di definirle poesie, io che amo la poesia e solo alla poesia permetto di pizzicare le corde più nascoste della mia anima.

Sto ancora cercando di metabolizzare queste parole, lasciate su Amazon. Inutile negare anche la lacrimuccia che è rotolata giù. Per le cinque stelle? No. Per un motivo ben diverso. Per il senso che ha questa raccolta per me, per cosa rappresenta, per quanto in essa ci sia di me, certo più che nel contenitore chiamato corpo. Dall’altra parte qualcuno non ha letto le mie poesie, che ancora fatico a chiamare tali, per me sono sempre stati dei link scritti di getto su tumblr o in pagina, parole frammiste a schegge della mia anima vomitate per lo più in lunghe notti insonni, buttate lì senza rileggere.

No, non le ha lette. Dall’altra parte le ha assorbite, se le è spalmate sulla pelle e ha lasciato che penetrassero, le ha ascoltate. Ha lasciato che la sua anima si infettasse. Le ha vissute, fino in fondo, bevendo il calice fino all’ultima goccia, fino a incontrare la mia anima. L’ha vista, la sfiorata. L’ha conosciuta. Uno scambio intimo e profondo. Grazie non basta, ma è un grazie dall’anima che altre parole non ha per descrivere quelli che sono veri, autentici, profondi incontri.

Screenshot 2016-04-21 09.01.26-crop

Non posso dare molto perché ho poco, ma quel poco lo giuro, è in ogni singola parola che prende vita da queste mani, da quest’anima.

Con il cuore, sempre ❤

EliBì

 

Nei silenzi

2015-11-28 08.06.59

NEI SILENZI

Manchi
Sempre
E tu lo sai
Se solo chiedi al vento
Se solo chiedi al mare

Vorrei averti qui
Per un giorno
Un abbraccio
O forse solo per chiederti
Di non andare via

E allora scrivo
Per te
Per me
Ma le parole
Si colorano di malinconia

©Elisabetta Barbara De Sanctis – 17/04/16 – all rights reserved)

 

 

Dentro te

e2d8a2264a6b4179cf4986ef3f9e0602

 

DENTRO TE

Sono debole carne
che implode nelle attese
trasuda piacere
che mi impasta le dita
Annusami
Respirami
Leccami
Sono il tuo sapore
Sono la tua essenza
Sono vita

(©Elisabetta Barbara De Sanctis – aprile 2015 all rights reserved)

Gli aquiloni – una poesia per la Giornata mondiale dell’autismo e dei disturbi dello spettro autistico

aquiloni

 

GLI AQUILONI

C’è tutto un mondo

Dietro i tuoi occhi

Nascosto nei tuoi silenzi

Perso in capovolti punti di domanda

Emozioni che ti implodono dentro

E vorresti dire

Ma non sai come fare

Ti perdi allora

In quell’infinito che non conosco

E forse hai freddo

Se non so come arrivare

Ti porterei una coperta, sai

Un abbraccio fatto di cielo

E una carezza che sa di cioccolata

Conducimi ove tu sei

Farò mio quel mondo

Così saremo in due

E non sarai più solo mai

Porterò solo gli aquiloni

E insieme sarà come stare al mare

E insieme, noi, li faremo volare

©Elisabetta Barbara De Sanctis – 2 aprile 2016 for #AutismDay2016

 

 

Adesso

12687772_1555769298068323_4651579859428183236_n

 

ADESSO

Amami
Quando voglio essere forte
Ma dentro ho paura
Ama i miei silenzi
I miei malumori
I miei momenti bui
Perché i sorrisi sono per tutti
Ma le lacrime no
Quelle sono per me sola
Amami adesso, non per sempre
In questo istante
Un giorno alla volta
Amami tanto
Ma non amarmi troppo
Così che domani
Tu possa amarmi più di ieri

©Elisabetta Barbara De Sanctis – febbraio 2016 alla rights reserved