Osservava con apparente distacco quella pelle serica e diafana.

8ceac0d319852017ecb2e6e7463cc580

 

“Osservava con apparente distacco quella pelle serica e diafana. Sentiva l’eccitazione che l’attesa stava provocando. Ne riconosceva l’odore. Impercettibili brividi ne increspavano i pori al ritmo di un respiro smorzato e non più regolare. La mano a mezz’aria, combattuta fra il bisogno di sfiorarla e la tensione che rendeva l’aria spessa e densa, come membra morbide da violare assaporando goccia a goccia il piacere lento dell’affondo. Chiuse gli occhi per qualche istante, vivendo dentro di sé il possesso di quella carne e gli infiniti modi in cui l’avrebbe presa fino a sentirne il godimento in ogni centimetro, in ogni anfratto, in ogni piega. Avrebbe inciso quella pelle di orgasmi indelebili per poterla sempre ritrovare. Vita dopo vita. Perché lei gli apparteneva. Da sempre.”
  (©Elisabetta Barbara De Sanctis – Gennaio 2015 – Proprietà intellettuale riservata)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...